Cari golfisti,

pur consapevoli della gravità del momento che ha colpito molte persone, resta comunque vivo in noi il desiderio di poterci ritrovare in campo come amici e sportivi, cosa che tra l’altro significherebbe, se non la scomparsa, almeno una considerevole diminuzione della pandemia.

Nella lettera del Presidente Chimenti, che potete leggere sulla home page del sito della FIG (http://www.federgolf.it/news/in-primo-piano/lettera-del-presidente-chimenti/) non vengono fornite indicazione su quando sarà possibile riaprire i campi, ma ci viene detto che si sta mettendo a punto un documento contenente le norme di comportamento cui attenersi per giocare in sicurezza al momento della ripresa. Anticipazioni circolano già da tempo (v. ad es.  https://www.golfeturismo.it/news-golf/covid-19-la-bozza-delle-nuove-regole-per-tornare-a-giocare/) ma per ora non c’è nulla di ufficiale. A nostro parere si tratta di indicazioni del tutto provvisorie, che francamente sembrano eccessive e di difficile applicazione e controllo. Meglio aspettare le norme definitive.

Tuttavia, per restare in contatto con i circoli e i tesserati, ricordiamo che la FIG ha istituito la casella di posta elettronica emergenzacovid19@federgolf.it a cui tutti gli affiliati possono inviare richieste di informazioni e chiarimenti.

Premesso dunque che, pur auspicando tempi brevi, non si sa esattamente quando sarà possibile riprendere a giocare e che per un periodo di tempo indeterminato si dovrà giocare con modalità diverse da quelle normali, voglio comunque rassicurarvi che al momento della riapertura troverete il percorso in ottime condizioni. Infatti la manutenzione ordinaria non è mai stata tralasciata e viene portata avanti quotidianamente dagli addetti al campo sulla base di una specifica e accurata programmazione.

Con l’augurio di poter superare presto l’emergenza e di poterci sfidare nuovamente sui green, invio a tutti voi i miei più cordiali saluti.

 

Il Presidente

Mauro Pozzi